Ventisei anni, romana e la passione per la nobile arte della Pasticceria. Lei è Camilla Italia, una giovane donna che ha fatto della cucina la sua ragione di vita. E dopo aver chiuso il percorso di studi universitari, ha deciso di intraprendere la formazione nel mondo della Pasticceria, frequentando il corso di Italian Food Academy.

Ho avuto l’opportunità di fissare e perfezionare le informazioni di cui ero già in possesso – racconta – e di conoscerne di nuove. Il Corso di Italian Food Academy è stato molto interessante, proficuo e molto divertente grazie ai docenti che tenevano il corso; tutti sono riusciti a stimolare il nostro interesse tenendo sempre alta la concentrazione e coinvolgendoci molto. Hanno dimostrato la passione che mettono nel proprio lavoro, ci hanno fatto vedere quanto ampio e stimolante possa essere questo mondo ma soprattutto quanta soddisfazione possa dare a chi sa essere vero professionista. Frequentare questo corso mi ha dato la possibilità di comprendere quella che è la strada che vorrei percorrere nel mio futuro; ha reso tutto molto più chiaro, consentendomi di fare una scelta riguardo alla mia professione”.

intervista-camilla-italia-italian-food-academy-1

Si arricchisce di sfumature dolci il racconto di Camilla, che spiega, con molta umiltà, che non sa ancora cosa aspettarsi dal futuro, ma sa per certo che il suo obiettivo è ben saldo nella sua mente: diventare una pastry chef impeccabile: “Non so quanto tempo ci vorrà ma riuscirò a raggiungere questo traguardo, costruendo la strada mattone dopo mattone”.

La sua determinazione e la voglia di imparare, come una fame insaziabile, di certo la porteranno lontano, ma non smette Camilla di essere concreta e con i piedi ben saldi per terra: “Sono dell’idea che per diventare un professionista non sia necessaria una sola competenza, quanto più un insieme di tante caratteristiche, oltre ad una grande passione e ad una fervida creatività, alla voglia di sperimentare e alle volte di superare i “limiti” o almeno di provarci”.

Camilla ha da poco terminato uno stage presso Grezzo Raw Chocolate di Milano, la pasticceria divenuta famosa per la sua particolare filosofia, basata sull’utilizzo di soli ingredienti vegetali (plant-based) e biologici, con procedimenti di lavorazione che non superino i 42° di temperatura per mantenere inalterate le qualità nutritive e il gusto originale e naturale degli alimenti.
Una grande occasione per lei per mettersi alla prova: “Al termine dello stage svolto in questi ultimi mesi – racconta – ne esco più arricchita; ho scoperto una pasticceria diversa, innovativa e che si avvicina molto al mio pensiero di “dolce”. Ho sempre amato la Pasticceria sin da bambina, mi ha sempre dato una certa tranquillità mettere le mani in pasta. Il mio percorso inizia da molto piccola come autodidatta, per poi sperimentare e perfezionare tecniche e ricette in base al mio gusto personale, cercando di andare sempre più verso un dolce di cui potessi godere senza sensi di colpa ma soprattutto senza avere successivi risvolti negativi”.

E poi conclude: “La mia idea è rimasta immutata, ho sempre questo come obiettivo finale e lo stage svolto da Grezzo Raw Chocolate mi ha consentito di avvicinarmi ad una pasticceria più salutare e meno dolce. Questo è sicuramente solo un inizio che intendo perseguire e perfezionare lungo il mio percorso”.

Non resta che augurare a questa giovane e determinata pasticcera il nostro più grande “In bocca al lupo!”.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

it_ITItalian
intervista adriano fedi italian food academycucina-giapponese-italian-food-academy